AMPACET lancia una LINEA BIO di masterbatch rispettosa dell’ambiente per applicazioni in plastica ecologica e compostabile

Negli ultimi decenni, numerosi paesi hanno introdotto normative che limitano la vendita di sacchetti di plastica leggeri, allo scopo di ridurre il fenomeno del littering (l’usanza di gettare i rifiuti a terra) e l’inquinamento da plastica. Se non smaltiti correttamente, i sacchetti di plastica tradizionali possono inquinare le acque, ostruire le reti fognarie e finire negli oceani, nella natura e nei terreni, danneggiando gli habitat degli animali e della fauna marina. Anche se smaltiti in maniera idonea, a causa della loro elevata durabilità, i sacchetti di plastica impiegano centinaia di anni per disintegrarsi (senza peraltro mai biodegradarsi), generando enormi quantità di rifiuti di plastica inquinanti per lunghi periodi.biorange

I consumatori sono sempre più consapevoli dei problemi ambientali e i proprietari dei marchi investono nelle proprie politiche sostenibili per assumere un’immagine “più ecologica” sul mercato.

Ciò ha avuto come conseguenza uno sviluppo e un incremento nell’uso di plastica biodegradabile compostabile, che sta guadagnando quote di mercato sempre maggiori sia per quanto riguarda il singolo utilizzo di sacchetti leggeri, sia in altre applicazioni non durevoli, essendo ritenuta un’alternativa sostenibile alla plastica convenzionale, a differenza delle soluzioni ossi-degradabili.

Ampacet, che dedica particolare attenzione alle questioni ambientali e allo sviluppo sostenibile, è lieta di lanciare la sua LINEA BIO di masterbatch compatibili con l’utilizzo di polimeri compostabili e conformi alla norma EN 13432 (norma sul compostaggio), al fine di contribuire alla tutela dell’ambiente dall’inquinamento da plastica.

La LINEA BIO di masterbatch consente di coniugare l’utilità della plastica (leggerezza, resistenza, prezzo relativamente contenuto) con la possibilità di compostare totalmente il prodotto finale in un impianto di compostaggio industriale.

Le plastiche convenzionali, spesso mischiate a rifiuti organici (cibo, carta bagnata e liquidi), sono difficili e scomode da riciclare senza ricorrere a costose procedure di differenziazione, pulizia e igienizzazione. Invece di preoccuparsi di riciclare una quantità di plastica relativamente esigua, i prodotti finali biodegradabili realizzati in polimeri compostabili e la LINEA BIO di masterbatch di Ampacet possono essere mischiati con rifiuti organici, consentendo di compostare una quantità di rifiuti organici di gran lunga maggiore, e rendendo tale operazione commercialmente praticabile.

Di conseguenza, la LINEA BIO di masterbatch di Ampacet contribuisce a ridurre l’inquinamento da plastica e a creare un mondo più sostenibile.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al rappresentante Ampacet locale o inviare un’email all’indirizzo: marketing.europe@ampacet.com.